mercoledì 19 febbraio 2014

LA FINTA DEMOCRAZIA DEI GIORNALISTI



LA FINTA DEMOCRAZIA DEI GIORNALISTI


L'intervista di Conte a Sky ha scatenato uno tsunami dalle incredibili dimensioni , che coinvolge pure una vera e propria casta Italiana, ovvero quella dei giornalisti sportivi. Inutile fare i finti tonti o le verginelle della situazione, il tecnico Bianconero ha scoperchiato una realta' conosciuta da tutto l'ambiente del Football , ovvero un rapporto sottotraccia tra alcuni giornalisti e certi giocatori , che io definisco i canarini del calcio che cinguettano senza metterci la faccia  anticipando formazioni in campo e diatribe interne allo spogliatoio.

Ebbene, ho visionato la lite Ravezzani-Chirico  , conclusasi con la cacciata del giornalista filoJuventino , che reputo quantomai ridicola e fuori luogo, visto che la vittima di questo episodio, non stava certo urlando le sue ragioni o andando fuori dalle elementari regole della buona educazione. Semplicemente sposava la tesi di Conte , sul fatto che alcuni giornalisti sportivi assegnassero voti pessimi a chi non spifferava certe notizie in anteprima  condizionando con i loro giudizi pure le fazioni piu' accese della tifoseria , che si scatenano poi allo stadio urlando insulti verso chi viene di mira dal cronista di turno. E' un qualcosa che non tutti condividono, ma da qui a cacciare una persona per il semplice fatto di portare avanti una propria opinione, be direi che ce ne passa di acqua sotto i ponti, anche perche' essendo, almeno a parole, in un paese democratico, opgnuno ha diritto di far valere il proprio pensiero.

La cosa che mi stupisce di piu' , e' che leggendo i voti assegnati ai giocatori, lo vediamo tutti che alcuni giocatori sono sempre sopravvalutati dalla carta stampata ( vedi Balotelli ) mentre altri sono puntualmente massacrati , pur avendo come ottima attenuante il fatto di giocare ben pochi minuti e di non avere la serenita' necessaria per esprimersi al meglio ( vedi Giovinco ) . Ravezzani invece continua a difendere la casta, negando che esistano certe realta' nel mondo dei giornalisti sportivi, quando invece sa benissimo che spesso le stesse societa' o gli stessi allenatori , esplodono in diretta tv per denunciare le talpe del proprio spogliatoio, che spifferano all'intero mondo calcistico , le diatribe interne, fornendo materiale succosissimo a chi ama far polemica e seminare veleno ovunque.

Chi non ricorda certe clamorose situazioni in casa Inter o in casa Roma , chi non ha mai letto di scazzottate venute fuori a distanza di mesi  se non di anni. I giornalisti contribuiscono non poco a creare falsi fenomeni , vedi il signor Cassano vittima per assurdo di una certa carta stampata che amava ricamare su un giocatore tutt'altro che fenomenale, tanto e' vero che a Madrid lo hanno cacciato senza ripensamenti......Inutile negare che certe frange di tifosi , sono anche scaldate dai giornalisti , come nel caso di Guarin ad esempio, che quando gioca viene sempre criticato, ma quando viene messo sul mercato ecco che la societa' sta facendo scelte sbagliate.....Vorrei infine ricordare , che durante il processo "calciopoli" molti giornalisti furono accusati di essere al servizio della juve, ma guarda caso il signor Ravezzani non si e' scaldato cosi' tanto contro questa sentenza, la qual cosa mi lascia quantomai perplesso .....

Spero tanto che Ravezzani si ricreda e riporti la situazione alla normalita' , scusandosi con Chirico per la cacciata vergognosa di cui e' stato vittima e impari ad accettare le opinioni altrui.........

Giordano Enrico

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti