martedì 4 febbraio 2014

INTER , THE DAY AFTER


INTER , THE DAY AFTER



Che la trasferta di Torino fosse assai complicata , non ci voleva certo un genio a capirlo, ma l'espressione di Mazzarri a bordocampo la dice lunga sullo stato d'animo di un allenatore che, secondo la mia modesta opinione, comincia ad avere dei rimpianti per la scelta di vita fatta quest'estate. Si perche' gia' da una recente intervista a Sky , il tecnico Toscano lamentava, giustamente, la sua non conoscenza dell'immediato cambio di guardia ai vertici della societa', che in caso contrario, avrebbe influito in maniera decisiva nella sua decisione di cambiare squadra. Si e' definito "sfortunato" perche' a suo dire , e' capitato in un momento storico particolare dell'Inter , che di sicuro non lo aiuta a lavorare con la giusta serenita'.

Personalmente mi trovo perfettamente concorde col pensiero dell'allenatore , perche' sarebbe stato molto piu' serio da parte di Moratti, mettere in tavola i suoi reali progetti, perche' nessuno mi toglie dalla testa che Thoir non abbia convinto per nulla l'intero ambiente Nerazzurro, a partire dalla tifoseria abituata ad un Presidente "tifoso" e non certo "affarista", fino allo stesso Mazzarri che si vede chiaramente quanto sia perplesso riguardo la nuova guida dirigenziale, altrimenti perche' usare il termine "sfortunato" nel descrivere la sua presenza in questa nuova situazione ?

Passiamo ora alla campagna acquisti , che vede i Nerazzurri inserire due punte dalla dubbia qualita' tecnica come Icardi e Belfodil, il primo gia' criticato a Genova dai suoi supporters per lo scarso rendimento ( ricordo ancora l'intervista di un tifoso della curva Doriana che diceva come l'Inter avesse preso un  abbaglio clamoroso e si sarebbe pentita presto....) , il secondo non certo adatto ad un palcoscenico come quello di San Siro . E di soldi ne sono stai spesi per questi due .....quando a pochi Km da Milano , sponda Atalanta, c'era un certo Denis, detto Tanka, centravanti che garantisce regolarmente i suoi 12-15 gol a stagione, forte di testa e non certo scarso coi piedi, che sarebbe stato la spalla ideale per un Palacio che ama agire dietro una punta centrale. 

Sulla fascia poi , serviva un esterno di qualita' in grado di segnare, saltare 'uomo e crossare , identikit che mi porta a due nomi nemmeno troppo costosi , ma di sicuro rendimento , ovvero Candreva e Diamanti. Questi due servivano come il pane, altro che Hernanes pagato uno sproposito e dal rendimento altalenante, che tra le altre cose tirera' indietro la gambetta per non perdere un Mondiale giocato in casa......

E che dire della querelle Vucinic - Guarin, l'incredibile operato di Branca riesce a rovinare un'operazione che avrebbe portato a Milano un giocatore che serviva come il pane, visto che l'Inter sta segnando col contagocce. Certo la contropartita era assurda, ma chi l'ha proposta? non certo la Juve che non credeva ai suoi occhi quando sul piatto e' stato messo un centrocampista del genere......risultato ? all'Inter rimane un giocatore controvoglia, il cui malumore si va ad aggiungere a quello di Mazzarri e l'attacco rimane lo stesso, proprio quando urgeva un cambiamento in termini di qualita'. Lo stesso Branca poi , ha dovuto andare in Sudamerica per prendere un giocatore come Pereira, dimostrando una capacita' di analisi dei giocatori alquanto imbarazzante.....

Insomma , la curva Nord ha pienamente ragione, le ragioni del fallimento sono da ricercare in sede, dove a livello decisionale non si e' saputo programmare una ricostruzione adeguata a mantenere l'Inter ai vertici del calcio Italiano per lo meno, dopo la concquista dello storico Triplete. Mi viene da sorridere quando vedo le critiche a Mazzarri, il quale dovunque e' andato ha sempre lasciato un bel ricordo, ottenendo risultati di prestigio pure in piazze come Genova e Reggio Calabria dove non si coltivano ambizioni di scudetto......Certo , qualche colpa ce l'avra' pure, ma il materiale che la societa' gli ha messo a disposizione e' quello che e' , e la confusione che regna sovrana in via Durini non facilita certo il lavoro del tecnico Toscano. Ora e' il momento di fare una rivoluzione interna e affidarsi a dirigenti competenti , che hanno una gran passione e voglia di arrivare lontano , perche' questo Indonesiano , con tutto il rispetto, non sembra avere la possibilita' di un futuro ventennale in casa Inter.....

Giordano Enrico

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti