giovedì 8 agosto 2013

Serie A Calcio Mercato: Il ritorno delle "7 sorelle"


Il ritorno delle "7 sorelle"

C'era un volta un campionato, un torneo definito da tutti come il più bello del mondo. Ora questo campionato è solo il più difficile, pieno zeppo di tatticismi e difensivismi che, purtroppo, hanno contribuito ad impoverire la qualità del gioco e di conseguenza hanno nettamente abbassato il livello dello spettacolo. Sicuramente avrete capito che sto parlando della nostra tanto cara Serie A che nel decennio scorso era spesso e volentieri teatro di avvincenti sfide al vertice che coinvolgevano non solo le solite due squadre del nord ( a volte, come nel caso dell'Inter di Mancini anche solo una). All'inizio della stagione 1999/2000 infatti, si iniziò a parlare delle cosiddette "7 sorelle", ossia le sette formazioni che, per importanti operazioni di mercato o anche per svariati motivi di blasone e prestigio si sarebbero date battaglia sui campi domenicali per il raggiungimento di un solo obiettivo: lo Scudetto.
Negli ultimi anni quella tendenza è andata via via scontrandosi con le contraddizioni in seno alla questione dei diritti televisivi (ora però molto più equi) e con la crisi di fatturato che sta attanagliando i club nostrani, in netta contrapposizione con gli altri top team europei. Questa sessione di calciomercato però, ci sta regalando l'idea di un prossimo torneo molto più equilibrato e avvincente rispetto a quelli dell'ultimo decennio, un'idea allo stesso tempo bella e pazza del ritorno delle "7 sorelle" tra cui spiccano inevitabilmente come sempre due o tre squadre che apparentemente si trovano qualche gradino sulle altre e che godono almeno inizialmente dei favori del pronostico. Ecco l'analisi dettagliata delle società che andranno a giocarsi il prossimo titolo.


Juventus
La squadra di Conte è sicuramente ancora una volta la favorita principale per la conquista del campionato non solo perchè campione d'Italia in carica ma anche perchè ha puntellato l'attacco con gli acquisti mirati di Tevez e Llorente che però costringeranno Marotta ad effettuare anche delle operazioni in uscita in questo reparto.

Napoli
I partenopei hanno dovuto dire addio a Cavani, ma i 64,5 milioni versati dal Psg hanno permesso a De Laurentiis di rifare completamente il look alla squadra. Presi ben tre giocatori dal Real Madrid (Albiol, Callejon e Higuain con quest'ultimo pagato la grande cifra di 40 milioni) a cui si aggiungono anche Mertens dal Psv, e i portieri Rafael dal Santos e Reina dal Liverpool. Benitez avrà a disposizione insomma una squadra degna della lotta per il titolo. 


Fiorentina
Il progetto viola continua con Montella al timone della squadra e soprattutto con un attaccante in più: Mario Gomez arrivato dal Bayern Monaco e fresco vincitore del triplete della passata stagione. Il tecnico napoletano avrà a finalmente a disposizione anche una freccia in più nel suo arco quel Giuseppe Rossi che si appresta a tornare dopo un anno e mezzo di inattività sui campi da calcio. Jovetic è volato in Inghilterra al Manchester City ma si tratta dell'unico pezzo pregiato ceduto dai viola che possono contare anche sull'esperienza di Massimo Ambrosini.

Milan
Mercato immobile quello dei rossoneri, sia per quanto riguarda le operazioni in entrata che per quelle in uscita. L'obiettivo è quello di migliorare il terzo posto ottenuto nella passata stagione dopo un grande girone di ritorno contrassegnato da un ritmo da scudetto.


Inter
L'acquisto più importante fatto dai nerazzurri è sicuramente quello dell'allenatore: Mazzarri infatti ha le giuste qualità per ridare un'identità di gioco precisa a questa squadra, reduce da un deludentissimo nono posto. L'attacco è stato rinforzato con Icardi e Belfodil, giocatori non ancora pienamente affermati ma che si spera, dalle parti di Corso Vittorio Emanuele, possano definitivamente esplodere in quest'annata. Rafforzata la anche la difesa con gli innesti di Campagnaro e Andreolli, manca invece qualcosa a centrocampo (un centrale e un esterno di livello). Nerazzurri aiutati dal fatto che quest'anno non saranno impegnati sul fronte europeo e potranno concentrarsi pienamente sul campionato.

Roma
Dopo il fallimento Zeman, La Roma americana riparte da Rudi Garcia, ex tecnico del Lille. Giallorossi subito sugli scudi per quanto riguardi il mercato: presi Benatia dall'Udinese e soprattutto Strootman dal Psv, pagato ben 18 milioni di euro. Nel reparto difensivo si è detto addio a Marquinhos, venduto in Francia al Psg per l'irrinunciabile cifra di 35 milioni, un'enormità per un calciatore 19enne. In attacco manca un altro giocatore di spessore soprattutto se poi dovesse partire Osvaldo.

Lazio
Reduce dalla vittoria della Coppa Italia nel derby contro la Roma, la squadra di Petkovic è pronta ad ottenere la meritata consacrazione sul palcoscenico nostrano. L'obiettivo è infatti almeno quello di raggiungere l'agognato terzo posto che significa preliminari di Champions, una competizione che dalle parti di Formello non disputano da ben sei anni. La base solida della squadra non è cambiata, anzi è stata rafforzata con qualche ottimo prospetto come il trequartista Felipe Anderson dal Santos e il jolly di centrocampo Lucas Biglia, prelevato dall'Anderlecht ma seguito in passato anche da Inter e Real Madrid. Mancherà però almeno fino a febbraio capitan Mauri, recentemente squalificato per sei mesi in seguito alla vicenda del calcioscommesse.

Vittorio Rotondaro

1 commento:

  1. Ieri mi sono goduto su Fox Sports il PSG..risultato secondo me deludente!!Che ne dite?

    RispondiElimina

Post Recenti