giovedì 29 agosto 2013

Champions League, Milan-Psv 3-0: IL MILAN RITROVA CUORE E UMILTA'



L'OPINIONE DI ENRICO

IL MILAN RITROVA CUORE E UMILTA'

Grande prova di carattere dei Rossoneri, che ritrovano il vecchio spirito internazionale, che tante soddisfazioni ha dato in passato . Bisogna anche sottolineare le due palle gol clamorosamente sprecate dal PSV sullo 0-0 e sul 1-0, ma nel complesso il Milan ha strameritato di passare il turno, fugando le perplessita' emerse nella disastrosa prova del Bentegodi. 

La difesa conferma le perplessita' notate da tutti gli addetti ai lavori e non solo, visto che persino la Curva Sud esponeva striscioni di contestazione, per un mercato per nulla soddisfacente dal punto di vista del rafforzamento del reparto arretrato. In mezzo al campo secondo me, i Rossoneri si sono rafforzati non poco con gli innesti dei talentuosi Saponara e Poli, che sono il futuro del nostro calcio e che hanno gia' messo in mostra qualita' tecniche di tutto rispetto. In attacco poi la coppia titolare composta dal Faraone e Supermario esprime un livello di assoluto valore, che fa ben sperare anche in ottica Nazionale.

La gara e' stata spigolosa fino al 2-0, poi il Milan e' salito in cattedra e non c'e' stata piu' partita , anzi il risultato poteva essere ancora piu' rotondo. Notevole la prova di Boateng , autore di una bella doppietta e in netta ripresa dal punto di vista fisico, rispetto alla spenta stagione scorsa. Molto intelligente la tattica adottata da Allegri, perche' ben sapendo della scarsa condizione atletica della squadra, ha impostato un match con gli uomini tutti raccolti nella propria meta'campo pronti a ripartire una volta che il PSV era costretto a sbilanciarsi per segnare il gol della speranza. Questo atteggiamento ha permesso poi ai centrocampisti di gravitare molto vicini alla difesa ballerina, che ogni qual olta viene lasciata da sola , fa venire i brividi a tutti i tifosi, vedi l'occasione ad inizio ripresa. Molto bravo El Shaarawy che ha arretrato il suo raggio d'azione fino all'area di pertinenza di De Sciglio che ha cosi' potuto dar man forte ai due centrali Mexes e Zapata. Il ragazzo sta ritrovando la vena dello scorso inizio di stagione e sembra aver superato tutti i problemi , che erano soprattutto di carattere psicologico, perche' inutile negarlo , l'arrivo di Supermario ha impattato negativamente sull'autostima del Faraone, che era convinto di essere diventato l'uomo di punta dell'attacco Rossonero , dopo lo splendido girone di andata.

Ora ci si rituffa in campionato, dove domenica i Rossoneri sono attesi ad un insidioso scontro casalingo contro il Cagliari, non solo per la pericolosita' del tridente Sardo, ma anche per la scarsa condizione atletica della squadra, che oltretutto ha da smaltire le tossine accumulate in questo spareggio di Champions. Non sara' un campionato facile, ma di sicuro se lo spirito sara' quello visto ieri, il Milan dira' la sua anche sul fronte scudetto.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti