lunedì 22 aprile 2013

Seria A, Juventus - Milan: UN MILAN SENZA IDEE E UNA JUVE CINICA



L'OPINIONE DI ENRICO

UN MILAN SENZA IDEE E UNA JUVE CINICA


Doveva essere una partita di grande intensita', visti i valori in campo e le ambizioni di entrambe le formazioni, ma dopo i primi 45 minuti la delusione era palpabile nell'aria. Addirittura c'e' chi cominciava a pensare al classico "biscotto" che accontentava tutti, ma il Milan riusciva nell'impresa di rianimare un match piu' che spento, con uno svarione difensivo di Fantozziana memoria , che permetteva ad Asamoha di lanciarsi a rete , per venire travolto da una assurda uscita di Amelia , che capottava l'esterno bianconero. Patetica a dir poco la protesta del portierone Milanista, che accusava il bianconero di averlo "cercato", la verita' e' che l'intervento e' stato completamente sbagliato e il rigore di una solarita' incredibile ( e se questo non era rigore, figuriamoci quello di andata allora.....) .

Il Milan pur presentandosi con le tre punte , dimostrava ben poche idee, e infatti il povero Pazzini doveva arretrare il proprio gioco per toccare qualche pallone, mentre le altre due punte , si esibivano prevalentemente sugli esterni, cosa che ne limitava parecchio la pericolosita'. E' mia convinzione che l'involuzione di El Shaaraway sia dovuta principalmente ad un motivo tattico, perche' il ragazzo giostra troppo distante dall'area avversaria e arriva sotto porta col fiatone , non a caso i suoi dribbling non sono cosi' travolgenti come ad inizio torneo. Robinho poi non serve a nulla come esterno, tanto vale inserire un centrocampista in piu' e avanzare il raggio d'azione delle due punte . 

Sul fronte Juve, il nuovo modulo tattico non convince come nel posticipo con la Lazio, anche perche' Marchisio sviluppa gioco prevalentemente a centrocampo e limita molto le sue incursioni offensive come avvenuto allo stadio Olimpico di Roma. Il risultato e' un gioco molto macchinoso, che non aiuta per niente Mirko Vucinic, rimasto da solo a combattere con tutta la difesa Rossonera. Di sicuro e' un esperimento tattico interessante, ma non da utilizzare spesso, perche' limita di molto la pericolosita' offensiva degli uomini di Conte, oltre al mancato utilizzo del 90% delle punte a disposizione del tecnico. 

Ora non rimane che aspettare , ma l'impressione e' che la festa sia rimandata alla gara interna col Palermo o al limite alla trasferta di Bergamo , perche' il derby regalera' non poche insidie ,anzi la mia personalissima opinione, e' che molto probabilmente assisteremo ad un successo granata, troppo voglioso di vincere per non mettere alle corde i Bianconeri. Il Milan invece dovra' guardarsi alle spalle , perche' la Fiorentina e' solo ad un punto e bene che vada per i Rossoneri ci saranno i Preliminari di Champions, visto che il Napoli ormai sembra aver blindato il secondo posto con i suoi sette punti di vantaggio. Di sicuro il ritorno di Balotelli sara' decisivo per la concquista della terza piazza, ma meglio non cullarsi negli allori perche' Montella e' un avversario di tutto rispetto, capace di mantenere viva una squadra in qualsiasi partita e in ogni situazione tattica, e la vittoria di ieri dopo aver subito un recupero di tre gol di vantaggio, ne e' la prova lampante.

GIORDANO ENRICO

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti