lunedì 7 gennaio 2013

STRAMACCIONI , COSI' NON VA


STRAMACCIONI , COSI' NON VA




Ricominciamo con la manfrina sulle decisioni arbitrali e su quelle del giudice sportivo, ma onestamente quella vista a Udine e' sembrata una squadra con piu' di un  problema , sia in fase di copertura che in quella realizzativa. Non e' ammissibile assistere a giocatori che non centrano nemmeno la porta ad un metro di distanza , come gia' avvenuto nella gara di San Siro contro i Grifoni, perche' alla fine si parla di professionisti di serie A che ieri hanno mostrato un lato a dir poco fantozziano nelle giocate.

Mi dispiace usare questi toni nei confronti di un allenatore nei confronti del quale ho sempre speso parole di elogio, ma sentire le sue rimostranze per un rigore palesemente inesistente su Palacio che si e' tuffato in maniera a dir poco goffa, e' un qualcosa di decisamente inaccettabile. La verita' e' che alcuni giocatori appaiono inadeguati per vestire questa prestigiosa maglia  e sto parlando  Johnatan , Livaja, Gargano,Alvarez......non basta comprare Rocchi, perche' appena cambiasso arretra il suo raggio di azione ecco che la metacampo naufraga miseramente. 

Che dire poi di una difesa di belle statuine che si fa anticipare sempre dai giocatori avversari, nonostante un'evidente superiorita' numerica , come nel caso del terzo gol di Toto' Di Natale, inseritosi tra le sagome nerazzurre come si fa in allenamento. Anche in questo caso  non e' ammissibile prendere dei gol del genere se si vuole vincere lo scudetto o perlomeno lottare nelle prime posizioni.

Caro Stramaccioni , la verita' e' che questo e' un anno di transizione e bisogna lavorare in prospettiva , inserendo le pedine giuste dove ci sono i maggiori problemi, iutile appellarsi alla sfortuna o ad oscuri complotti. Chi sta davanti e' meritevole dei punti ottenuti , non e' frutto del caso o di aiutini di vecchia memoria, quindi meglio rimboccarsi le maniche e lavorare duro per colmare un gap abbastanza evidente. Ho notato un calo dell'entusiasmo iniziale, ma non ne vedo il motivo, dal momento in cui lo spogliatoio e' comunque affiatato.
Meglio ritrovare una certa serenita' , alla base di ogni risultato sportivo, perche' entrare in campo con i nervi a fior di pelle o con la mentalita' delle vittime prestabilite dal sistema non porta a nulla di buono, ricordatevi del Milan di Sacchi che nonostante un arbitraggio palesemente contro, usci' dal Bernabeu imbattutto, umiliando sul piano del gioco il Real Madrid.

Forza Stramaccioni, questo campionato ha bisogno di una grande Inter  .

GIORDANO ENRICO


1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Post Recenti