lunedì 12 novembre 2012

LA LUPA VIENE SBRANATA NEL DERBY


LA LUPA VIENE SBRANATA NEL DERBY

Dire che e' stata una mattanza e' dire poco, in un derby ben poco equilibrato dove solo la follia del portiere biancazzurro fattosi impallinare dopo una scellerata uscita,  ha rianimato una squadra in balia della Lazio per quasi tutti e 90 i minuti. Incredibili errori difensivi come quello sul gol di Mauri, hanno evidenziato ancora una volta i grandi limiti di questa squadra, che dalla cintola in su non ha niente da invidiare a nessuno, ma dietro e' da prova del palloncino. 

La ciliegina sulla torta , si fa per dire, e' stata l'espulsione di De Rossi, che con i nervi a fior di pelle per il tormentato rapporto con Zeman e una grande tensione per via di un derby che lui sente tantissimo, e' riuscito a farsi cacciare per un gestaccio intollerabile, che ha spinto pure Prandelli a non convocarlo per l'amichevole di mercoledi con la Francia. Che sia il segnale di un imminente addio di Capitan Futuro? L'impressione e' proprio quella, perche' Zeman sembra sempre piu' intenzionato a tagliare fuori dal suo progetto , il veterano giallorosso, perche' parliamoci chiaro, per sposare la filosofia del tecnico Boemo, bisogna avere fame e capacita' di calarsi nei panni umili di chi deve farsi strada nel mondo del calcio, cosa che non puo' per nulla riuscire a chi gia' e' un campione affermato. 

Purtroppo scegliendo Zeman, si sapeva che rischi si correvano, inutile negarlo e se si vuole seguire il suo credo bisogna dare carta bianca a questo allenatore.Ma parliamo dell'altra sponda Romana , ovvero quella Laziale, che ha conosciuto con Petkovic , una dimensione nuova, in cui tutti i protagonisti i campo sono animati da grande entusiasmo e fiducia nel lavoro di questo sorprendente tecnico. Sicuramente l'intelligenza , la serieta' e le poche parole dette , ma efficaci, ne fanno un personaggio di grande carisma , che sa lavorare molto bene nella testa dei giocatori. Adesso con questa vittoria, la Lazio aumentera' la propria autostima e si presentera' a Torino con una carica notevole, che dovra' preoccupare non poco i Bianconeri, che saranno gia' con la testa alla gara di mercoledi prossimo col Chelsea.

Ma un grande applauso va al Bomber Klose, cecchino implacabile, uno degli attaccanti migliori in circolazione, che nessuna delle grandi ha mai preso in considerazione e se penso che alla Juve hanno preferito un Bendtner qualunque, be' c'e' proprio da sorridere.Ma un altrettando grande applauso al grintoso Candreva, autore della fucilata vincente che ha riportato il Match sulla parita', giocatore di grande spessore che corre per novanta minuti e aggiunge pure qualita' oltre alla quantita'. Di sicuro la Nazionale ha trovato un altro grande centrocampista che va ad aggiungersi al fenomenale Marchisio.

Insomma , la Capitale ha due squadre con opposti umori, ma credo che con il duro lavoro pure la Roma tornera' tra le grandi protagoniste del campionato, basta un bagno di umilta', anche se mi rendo conto che in una piazza cosi' difficile e' piu' facile dirlo che farlo......


GIORDANO ENRICO 






Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti