giovedì 8 novembre 2012

JUVE, UNA VITTORIA CHE SA DI RIMPIANTI



JUVE , UNA VITTORIA CHE SA DI RIMPIANTI




Nonostante la vittoria rotonda contro i Danesi, quella di ieri sera e' sembrata la serata dei rimpianti, vista la situazione di classifica a dir poco complicata. Infatti si rende necessaria la vittoria contro il Chelsea per nutrire la speranza di passare questo primo turno di Champions League. 

Dopo aver visto con quale facilita' la Juventus ha seppellito di gol i modesti avversari , viene da chiedersi come mai quindici giorni fa non si e' verificata la stessa identica prestazione, visto che gli attori in campo sono praticamente gli stessi. Certo , qualcuno potra' rispondere che e' stata la rabbiosa risposta dopo la netta sconfitta di sabato contro i nerazzurri,ma non basta per spiegare la situazione di classifica del girone. La verita' e' ben altra, si tratta del calo di concentrazione evidente che ha colpito la Juventus nella trasferta danese, quasi i bianconeri fossero convinti di fare un sol boccone di una formazione nettamente piu' debole.


L'episodio che ha visto nel dopo partita, il Mister Conte infuriarsi con alcuni giornalisti autori di una poco elegante esultanza sul gol del 3 a 2 del Chelsea, e' la dimostrazione della grande tensione che regna nell'ambiente bianconero, ben consapevole di dover eliminare i Blues del Mister Italiano Di Matteo . Obbiettivo quantomai difficile, anche se la gara e' molto diversa da quella in cui la formazione Londinese guidata dal grande Drogba , concquisto' una sofferta qualificazione contro la Juve di Ranieri.  
Questa volta ci sara' una squadra molto tosta, con un centrocampo di tutto rispetto, che credo sia uno dei piu' forti a livello mondiale, con un Pirlo in versione Gianni Rivera, che regala al suo pubblico, momenti di grande calcio. Il problema semmai e' li davanti, visto che lo sciagurato Matri ieri si e' esibito in un repertorio da film dell'orrore, con erroracci da partita Fantozziana tra scapoli e ammogliati. Incredibile quello in cui , col portiere in uscita, anziche' spostarsi sulla destra dove aveva campo aperto e poteva tirare a porta vuota, sceglieva la soluzione opposta , andando a sbattere contro il difensore avversario, come un ubriacone che esce dall'osteria e centra in pieno un palo della luce non visto.

Speriamo che per la partita col Chelsea ci sia il buon Mirko con Quagliarella, perche' parliamoci chiaro, sono gli unici due che possono far male alla difesa Inglese. Inutile la permalosita' di Giovinco , espressa dopo il suo gol contro i Danesi, la verita' e' che questo ragazzino ha bisogno di maturare e certe partite se le puo' solo guardare dalla panchina.
Non a caso nella gara di Londra e' dovuto entrare Quagliarella per creare dei pericoli maggiori alla retroguardia del Chelsea.

Ora giochiamocela come se fosse la Finalissima di maggio , perche' presentarsi al secondo turno con l'eliminazione dei campioni in carica, sarebbe un bel biglietto da visita, oltre ad essere una carica adrelinica strepitosa ,per lasciare il segno in questa maledetta competizione dove i bianconeri sembrano in ostaggio di una strana paura, che non dimostrano in campionato.

Forza ragazzi , ce la possiamo fare  !!!!!


GIORDANO ENRICO




Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti