venerdì 28 settembre 2012

Ameri, Ciotti e Paolo Valenti: Un Passato Meraviglioso.


Ameri, Ciotti e Paolo Valenti: Un Passato Meraviglioso.

Ogni tanto mi fermo a pensare, quando cambio freneticamente canale, da una partita all'altra, visto che con la tv satellitare posso godermi un numero di gare impressionante da ogni parte del globo. 

Sembra ieri che accendevo la radio per ascoltare tutto il calcio minuto per minuto, insieme agli amici, immaginando le azioni descritte e i gol raccontati. Adrenalina pura che si scatenava all'urlo di Enrico Ameri o alla voce gracchiante di Sandro Ciotti. Si soffriva in maniera incredibile perche' non vedendo lo sviluppo delle azioni si aspettava l'annuncio del gol col cuore in gola. 

E poi alle 18, tutti davanti alla televisione per vedere in anteprima i gol della serie A, col racconto sobrio ed equilibrato di Paolo Valenti , che tanto mi manca in un'epoca di trasmissioni dove la gente si insulta se non condivide la stessa idea. Per carita' ci sono anche momenti divertenti, come ci regalano Crudeli e Corno , ma in generale trovo eccessive certe liti per un gioco che ci dovrebbe far passare momenti di serenita' e non di tensione. 

E come non ricordare il numero limitato di partite visibili in tv, nazionale e coppe europee, con l'incredibile oscuramento della gara per la sola citta' dove si svolgeva l'evento. Si perche' ricordo una partita dell'italia nel 1982 , valida per le qualificazioni europee, che non vidi per l'esclusione della zona di Milano, a tutela del'incasso dello stadio che rappresentava ai tempi una voce di bilancio importantissima. 

Sembrano passati secoli, ora e' tutto piu' frenetico, si gioca tutti i giorni tra anticipi, postipici, calendari assurdi con miriadi di partite che allontana la gente dagli stadi anziche' avvicinarla. Per carita e' bellissimo poter vedere tutte le partite in tv, ma quei tempi della radio li ricordo con grande nostalgia . 

 Giordano Enrico

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti