martedì 24 luglio 2012

Amichevole: Napoli – Grosseto 3 – 0




Napoli – Grosseto 3 – 0
di Vittorio Verruto


Arriva un’altra vittoria in casa partenopea, e con questa termina anche il ritiro azzurro a Dimaro.

In grande evidenza, uno che non ti aspetti, che oramai sembra destinato ad altre sponde, ma ci mette cuore ed anima per questa maglia, anche se si tratta di un’amichevole: è Luigi Vitale il protagonista indiscusso di quest’oggi, con le sue progressioni ha fatto impazzire i difensori avversari, tanto da riuscire a regalare un assist a Gargano, per il primo gol, e a procurarsi il calcio di rigore, trasformato in seguito da Pandev. 

Si è messo in luce anche un giocatore della primavera, Novothny, che ha trovato la gioia del gol su sponda di Hamsik: ad inizio gara c’è stata un po’ d’ansia per l’uscita anzitempo di Inler, ma lo stesso calciatore ha rassicurato tutti su Twitter, dicendo di stare bene.

Poche ore prime della partita, mister Mazzarri ha rilasciato alcune dichiarazioni, con le quali ha fatto intendere le eventuali strategie di mercato che la società cercherà di adottare:” La prima indicazione che mi aspetto dal ritiro è che il lavoro atletico sia svolto al meglio. Da questo punto di vista è stata la migliore preparazione che ho avuto in carriera. Il dato che balza agli occhi è che nessuno ha saltato un allenamento, ad eccezione di Campagnaro ieri mattina che ha prontamente recuperato la sera. Con me Gargano ha sempre giocato ed io faccio giocare sempre quelli che credo mi possano garantire la vittoria. Poi se un calciatore ha desideri di andare via o non ha più stimoli è un altro discorso. Pandev è uno dei giocatori più affidabili. E' un calciatore importante, nonostante le difficoltà degli ultimi due anni all'Inter. Ha bisogno solo di ritrovare ritmo e stimoli, il calcio è fatto di questo. Voglio creare un calcio propositivo, voglio attaccare e mettere in difficoltà gli altri. Credo sia un atteggiamento che paghi. Facendo un calcio propositivo c'è bisogno di qualcuno che salti l'uomo. Ho impostato Zuniga a sinistra perché è più in grado di saltare l'uomo. Se questo ragionamento è valido, ci serve più un destro o, l'ideale, un calciatore che giochi su entrambe le fasce. E’ giusto che De Laurentiis si esalti e trasmetta a noi stimoli forti. Che si sogni di arrivare primi è un conto, ma l'importante è che ci siano risposte anche tecniche. Ognuno ha il suo ruolo, io continuo a pensare al presente come ho sempre fatto in carriera. Numericamente la rosa in avanti è giusta. Se Vargas e Insigne vengono ritenuti ideali per la prossima stagione è inutile prendere un nuovo attaccante, si crea solo confusione. Per come siamo ora, già uno deve andare in tribuna. Bisogna solo capire se Vargas e Insigne sono adatti al progetto Napoli e alle ambizioni della piazza. Se uno dei due giovani andrà via non sarà una bocciatura, ma solo per fare esperienza per tornare poi più pronti”.


1 commento:

  1. Hello there, just became aware of your blog through Google, and found that it's truly informative. I am going to watch out for brussels. I will appreciate if you continue this in future. A lot of people will be benefited from your writing. Cheers!

    RispondiElimina

Post Recenti