martedì 19 giugno 2012

I TOP e i FLOP dell'Europeo



L'EUROPA E' FATTA A SCALE

 

C'è chi SCENDE:


UCRAINA: POLITICA E SPORT (VOTO 3) Avevo esaltato la fiducia con cui il pubblico di casa aveva spinto i suoi uomini ad una storica rimonta sulla Svezia; sentire i fischi alla fine della seconda partita, persa (prevedibilmente) con la cinica Francia, mi ha costretto ad una revisione di pensiero. Che dire della "politica" ucraina che ha intenzionalmente sterminato migliaia e migliaia di cani randagi avvelenandoli, seppellendoli vivi, sparandoli in testa, cremandoli in mezzo alle strade...Chi è l'animale? 

RUSSIA: ARSHAVIN (VOTO 4) la sua squadra appare in palla, specie nei primi tempi, lui invece non è mai lucido, si intestardisce in dribbling velleitari e scatena le ripartenze avversarie. Alto solo 1.70 sembra un bambino ma ha già 31 anni:Peter Pan.

INGHILTERRA: HART (VOTO 4,5) Lasciamo pur stare il goal di Nasri sul primo palo e l’impronosticabile doppietta del difensore Mellberg…ogni volta che la palla entra nell’area inglese, un brivido di terrore corre sulla schiena dei britannici come fosse condensa che gronda dai loro boccali di birra. Meglio di lui anche…una sedia!

OLANDA:  ROBBEN (VOTO 5) da lui ci si aspettavano dribbling ubriacanti, lampi di genio, colpi di magia…ma anche solo un goal!!! Dopo essere arrivato secondo in Bundesliga ed in Champions League...riesce a far persino peggio all'Europeo: 3 partite e 0 punti...nuovo record per gli orange, eterna promessa.

SPAGNA: TORRES (VOTO 5,5) Reduce dalla sua peggior stagione (pur chiusasi con la vittoria della Champions), a lui Del Bosque preferisce…zero punte! Contrlo l’Irlanda segna una doppietta che per sottofondo ha questa canzone: “ponci ponci po-po-po’”; infine fantasmeggia nella partita finale con la Croazia: in letargo.

CROAZIA: MODRIC (VOTO 5,5) è lui il regista della manovra croata, lui che detta i tempi, lui che prova i tiri dalla distanza. L'atteggiamento arrendevole con cui la Croazia affronta la Spagna, però, non è degno dei complimenti che a lui vengono rivolti. C'è persino chi lo paragona a Pirlo: sopravvalutato (come Mandzukic).



C'è chi SALE:


REPUBBLICA CECA: JIRACEK (VOTO 10) ecco il nuovo Gattuso, grinta, corsa ma anche senso del goal. Le sue 2 reti spingono la sua nazionale ad un incredibile qualificazione. Lotta su tutti i palloni, ringhia sugli avversari, ma il centrocampista di rottura del Wolfsburg è anche capace di farsi 60 metri di allungo e poi siglare:  cuore e polmoni. 

SVEZIA: IBRAHIMOVIC (VOTO 9,5) Il gigante rossonero potrà anche stizzire quando passeggia in mezzo al campo, impreca ai suoi compagni o deride gli avversari…ma quando decide di fare il suo dovere lascia tutti a bocca aperta. Non sorprende dunque che la Svezia sia l’unica squadra eliminata ad aver segnato in tutte e 3 le gare. L’acrobazia con cui stende la Francia cancella gli svarioni collettivi: arti marziali.

IRLANDA: TUTTI I TIFOSI (tranne i razzisti)(VOTO 9) saranno anche “ubriaconi” ma quanti di voi avevano sentito i tifosi di una squadra che perde 4-0 gridare a squarciagola per incoraggiare i loro beniamini?L’importante è partecipare!

FRANCIA: CABAYE (VOTO 8,5) il venticinquenne del Lille impressiona più di Ribery e Benzema: non sbaglia un passaggio, svaria in tutto il centrocampo e quando calcia è sempre uno spettacolo: 1 goal e 2 legni; quando inspiegabilmente Blanc non lo schiera titolare, la Francia rimane priva di geometrie, si spegne la luce ed incappa nella peggiore delle sue 3 partite: cecchino.

ITALIA: DE ROSSI (VOTO 8) Già 6 anni fa, Lippi lo aveva elogiato come uno dei migliori centrocampisti al mondo; Luis Enrique prima, e Prandelli poi, lo schierano invece in difesa, con gran sdegno di Zeman: Lui dove lo metti...stà; sarà anche giovane ma a Roma già lo chiamano capitan-futuro: predestinato.

GRECIA: KARAGOUNIS (VOTO 7,5) dopo aver fallito un rigore che valeva + 2 punti in classifica, il 35 enne quasi unico superstite di Euro 2004 (che vide vincere la finale proprio alla Grecia) si riscatta con un goal allo scadere del 2°tempo che manda in confusione la Russia intera, a volte anche la squadra sfavorita (quotata a 5.00) può vincere! Scaccia-crisi.

PORTOGALLO: CRISTIANO RONALDO (VOTO 7) dopo aver dormito per 180 minuti, sale in cattedra il giocatore più talentuoso di tutto l’Europeo: magistrale la sua prestazione nella partita decisiva con l’Olanda: assist al bacio, 2 pali e 2 goal: corrente alternata.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti