lunedì 11 giugno 2012

Europei 2012: Le Europagelle




LE EUROPAGELLE
di Emilio Apicella 

La prima giornata degli Europei ci ha regalato goal, emozioni e sorprese…facciamo dunque un breve resoconto di quanto visto dalle nazioni in corsa per il titolo: 

POLONIA: (VOTO 5) Per l’esordio ci si aspettava qualcosa di meglio: buono il primo tempo, pessimo il secondo; l’ignoto Tyton salva la faccia ai suoi; con il solo Lewandowski…non andranno lontani. 

GRECIA: (VOTO 6,5) Per 45 minuti sembra la solita Grecia di Otto Re Hagel…timido e passivo catenaccio; poi negli spogliatoi il Gatorade fa il suo effetto: reazione aggressiva, pareggio e rigore conquistato (poi fallito da capitan Karagounis). Prova di cuore e coraggio, peccato per il primo tempo. 

RUSSIA: (VOTO 8,5) La nazionale con l’età media più alta dell’Europeo corre come fosse la più giovane. La Russia ha un progetto di gioco, giocatori di tecnica e corsa, aggiungiamo il sacrificio in difesa e il cinismo in attacco…ecco la veraCenerentola di Euro 2012. 

REPUBBLICA CECA: (VOTO 3,5) Disastrosa prova collettiva. I primi dieci minuti illudono i cechi, ma il primo tempo chiude già i giochi. Difesa inguardabile, allo sbaraglio. Se il buongiorno si vede dal mattino… 

OLANDA: (VOTO 6) Dopo aver perso contro la squadra materasso, gli orange vedono la qualificazione…al binocolo. Nonostante questo, credo che abbiano fornito una buona prestazione, sfortunata. 

DANIMARCA: (VOTO 6) Ecco l’eccezione che conferma la regola: non sempre vince il migliore! Un tiro in porta e 3 punti in classifica, che dire…complimenti! Ricordatevi però: una volta è Natale…

GERMANIA: (VOTO 6,5) All’attacco per la maggior parte del tempo, rischia un po’ troppo in difesa, insuperabile Neuer. La Germania non dà spettacolo ma vince e convince. Già in semifinale? 

PORTOGALLO: (VOTO 6) Aspettare di subire goal per iniziare a giocare può essere molto pericoloso…e si è visto. Tuttavia è buona la reazione, avrebbero anche meritato il goal…ma dov’è la punta centrale?!

SPAGNA: (VOTO 5.5) Modulo inedito: 4-6-0. Tutti davano per favorita la Spagna tranne Del Bosque che, non schierando nemmeno una punta, ha tradito la sua paura nei nostri confronti. I centrocampisti corrono il doppio, Torres è ancora in letargo. Serve una sveglia o il calcio spagnolo seguirà la crisi del suo paese… 

ITALIA: (VOTO 6,5) Prandelli sorprende tutti con un’Italia subito fresca e brillante. Eccellente prestazione di De Rossi nelle veci del Cannavaro del 2006. Balotelli è spaesato ma ci pensa Totò: sarà il nome, ma appena entra lui in campo tutta l’Italia può finalmente sorridere, ma la gioia dura poco. Buona la prima… 

IRLANDA: (VOTO 4,5) Subire goal nei primi 2 minuti dell’Europeo non è certo un buon biglietto da visita, eppure l’Irlanda reagisce con il cuore e trova il momentaneo 1-1. Nel secondo tempo si vede più rugby che calcio: inutili i lanci di 60 metri per le torri irlandesi. Strano arbitraggio, che ce l’abbiano tutti col Trap?

CROAZIA: (VOTO 6,5) Vince ma non mi convince. Buona la forma atletica complessiva, la Croazia è fresca e brillante. Sia il goal del 1-2,allo scadere del 1°tempo, sia il goal del finale 1-3, provengono dal caos più totale 

FRANCIA:(VOTO 6,5) La partenza è prevedibile: addormenta il gioco con neniosi e tediosi passaggi orizzontali; il potenziale offensivo, però, è così grande,che le basta una giocata individuale per trovare la via del goal. La squadra del c.t. Blanc potrà anche asfaltare Ucraina e Svezia ma avrà seri problemi nei quarti di finale… 

INGHILTERRA: (VOTO 5) Ok…manca un buon difensore (Cahill) un ottimo regista (Lampard) ed il miglior bomber inglese (Rooney)…certo che nessuno si aspettava un’Inghilterra versione catenaccio (meglio i tempi di Capello),punto rubato. Rooney rientrerà per l’ultima gara del girone contro l’Ucraina…sarà troppo tardi?

UCRAINA: (VOTO 7,5) La favola diventa realtà. Shevchenko regala una doppietta che ribalta il risultato e manda in delirio uno stadio ed una nazione intera. Cuore, coraggio e grinta..trema l’Inghilterra..sogna l’Ucraina. 

SVEZIA: (VOTO 4,5) Impalpabile per 45 lunghi minuti, unico brivido una nasata di Ibra che finisce sul legno. Poche le qualità, scarse le idee. Lasciare Sheva libero di staccare non si rivelerà una buona idea. Escludendo Zlatan, Gulliver in mezzo ai puffi, la squadra svedese sembra…uscita dall’Ikea! Legnosi. 


Emilio Apicella di 1x2calcio.blogspot

Nessun commento:

Posta un commento

Post Recenti